info@evimpianti.it
TUTTO SI PUO FARE

Normativa utile

Salvavita nelle abitazioni condominiali.

La legge 46/90 si applica non solo agli impianti elettrici condominiali, ma anche all’impianto elettrico delle singole abitazioni. Queste sono ovviamente di competenza dei singoli condòmini. In realtà, le tubazioni del riscaldamento, dell’acqua, del gas e i ferri del cemento armato sono comuni a tutto l’edificio, così come l’eventuale impianto di terra. Ne consegue che un guasto a terra in un appartamento sprovvisto di interruttore differenziale (comunemente chiamato salvavita) può provocare un pericolo tramite gli elementi metallici suddetti, o lo stesso impianto di terra, negli altri appartamenti e nei servizi condominiali e cosa molto importante i danni causati non sono coperti da assicurazioni, ad esempio a causa di uno scaldacqua o di una lavatrice difettosi. Sono già accaduti infortuni mortali in situazioni del genere


Progetto dei servizi condominiali

Il progetto è obbligatorio, anche quando i servizi condominiali sono alimentati da più contatori, per l’impianto elettrico alimentato dal singolo contatore con potenza contrattuale superiore a 6 kW (ascensore incluso), quando la centrale termica è a gas, se l’autorimessa ha capacità di parcamento maggiore di nove veicoli o con più di nove box che non si affacciano su spazio a cielo aperto e se esistono locali per i quali sussiste pericolo di esplosione o maggior rischio in caso di incendio (es.: compartimento antincendio di classe uguale o superiore a 30, se l’edificio ha altezza di gronda superiore a 24 m). Della mancanza di progetto degli impianti condominiali, dove richiesto, è responsabile non solo l’installatore, ma anche l’amministratore; in caso di infortunio la responsabilità diventa penale per negligenza e imprudenza.
Ora la realtà impiantistica è cambiata, le norme sono diventate complesse e difficili; un professionista competente è spesso necessario, sempre opportuno. La spesa per il professionista è in genere considerata superflua; se il professionista è bravo costituisce invece un risparmio.
Spesso, l’amministratore o il proprietario sono vittime inconsapevoli di quanti continuano indisturbati a progettare e ad installare gli impianti elettrici senza conoscere veramente le norme tecniche e di legge, e rilasciano, su richiesta, false dichiarazioni di conformità. Smascherare e combattere questi fuorilegge è nell’interesse di tutti, soprattutto degli amministratori e proprietari, sui quali grava la responsabilità di garantire la sicurezza altrui.

Impianto di terra dei servizi condominiali.

L’impianto di terra dell’edificio è comune sia ai servizi condominiali sia alle abitazioni ed è sicuro soltanto se tutti gli appartamenti sono protetti con un interruttore differenziale.
L’elettricista non può risolvere da solo il problema, perché non può intervenire sugli impianti dei singoli condòmini. E’ un problema di sicurezza comune, da portare in assemblea condominiale. I condòmini devono adeguare il proprio impianto a quanto richiesto dalla legge 46/90 e installare un interruttore differenziale, altrimenti mettono in pericolo non solo i propri familiari, ma anche gli altri abitanti dell’edificio; in particolare il pericolo può manifestarsi sui servizi condominiali di cui l’amministratore è direttamente responsabile. L’interruttore differenziale (salvavita) da solo non evita eventuali responsabilità penali per infortuni dovuti alla mancanza dell’impianto di terra.L’impianto di terra dell’edificio va considerato un servizio condominiale utile per tutti i condomini, i quali hanno a loro volta l’obbligo di adeguare gli impianti all’interno della propria abitazione.

Normative